- Cioè: "...che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene? Di quel periodo è anche la frequentazione con il collega Zucchero Fornaciari. [276], Appassionato di danza classica, nell'ottobre del 2011, insieme a Stefano Salvati, ha fondato l'associazione culturale Vasco Rossi Dancing Project. Film documentario sulla vita artistica e privata di Vasco diretto da Alessandro Paris e Sibylle Righetti, proiettato nel 2011 in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia e in contemporanea in oltre 200 sale. Per volontà del cantautore non è venduto in alcun negozio e può essere ascoltato esclusivamente tramite radio oppure scaricato dal web o dal portale di una nota azienda telefonica. Inusuale è anche la presenza di un brano strumentale. I suoi concerti sono eventi di eccezionale portata emotiva e aggregativa. La storia di Vasco per diversi anni si svolge nel clima di una protesta sociale che nasce dalla necessità di tanti giovani contemporaneamente di trovare una nuova coscienza della propria condizione. I restanti due sono L'amore ai tempi del cellulare e Più in alto che c'è. [107] Con il concerto di Milano, Vasco Rossi diventa il terzo artista italiano, dopo Edoardo Bennato[108] nel 1980 e Claudio Baglioni[109] nel 1985 e nel 1986, a raccogliere un numero di fan così ampio da riempire lo stadio Giuseppe Meazza. Durante l'ultima data a Milano, il rocker è obbligato ad accorciare la scaletta, iniziando con un evidente ritardo, per via di un forte mal di schiena che nonostante le cure necessarie non accennava a passare. Mi piace pensare di non aver raccontato niente di personale e che dunque, a un livello più alto di quello della mia singola e non singolare esperienza, la mia generazione, quella dei nati durante gli anni '80, abbia trovato in casa alcune cassettine analoghe e abbia familiarizzato con il merchandise dei concerti rock in un modo molto simile al mio, passando necessariamente attraverso la figura di un personaggio chiave della canzone italiana e dell'unico personaggio chiave del rock popolare italiano, trasformandolo poi in una faccia stampata che si fa velocemente madeleine. Nel 2002 esce Tracks,[155] la prima raccolta pubblicizzata come ufficiale dalla EMI, con brani in versione originale e rimasterizzati e con la reinterpretazione di Generale di Francesco De Gregori, cantata durante il tour "Rock sotto l'assedio" del 1995 ma rimasta inedita. [77] L'ironica e provocatoria canzone Bollicine, farcita di slogan e frasi ad effetto (con chiari riferimenti all'uso della cocaina), è un pungente attacco alle pubblicità e ai loro falsi miti, che arrivano a saturare le menti dei più giovani. Nella scena finale dell'ultimo episodio (Nei secoli fedele), andato in onda il 14 aprile 2016, viene citata da Don Matteo una frase tratta da Sally: "La vita è tutto un equilibrio sopra la follia".[313]. Vasco Rossi: nuove date tour 2014 a Roma e Milano #LiveKom014 | AllSongs, Vasco Rossi - SONO INNOCENTE - la recensione, Vasco Rossi - Sono Innocente Ma… (Live Kom 015), Vasco a Rolling Stone: «Alla fine mi è toccato vivere. Si tratta di "La nostra relazione" che apre il disco con chitarre drammatiche che sembrano quasi fare le veci degli archi e un testo già alla Vasco Rossi in grado di unire ironia, tristezza, rabbia. [33], Nel 1980 viene pubblicato il terzo album, Colpa d'Alfredo,[51] e il linguaggio del rocker si fa ancor più spregiudicato, aggressivo e anticonformista[52] Neanche questo album ottiene molto successo di vendite, anche a causa della censura da parte di alcune radio della canzone che dà il titolo all'album, in quanto ritenuta volgare e offensiva in alcune parti del testo. Lo stesso Vasco ha ribattezzato questo evento Vascstock.[161]. Inizia nei fatti da lì, Vasco, con la speranza di cavalcare il successo del precedente "Siamo solo noi" la cui title track aveva assunto, nella seconda parte del 1981, un'importanza popolare in grado di mostrarne la predestinazione a divenire, più avanti ancora, un vero e definitivo inno generazionale. Così, nel 1982, Vasco partecipa al Festival con la canzone Vado al massimo, che contiene un'ironica risposta a Nantas Salvalaggio (nel testo viene apostrofato come quel tale che scrive sul giornale[64]). Il sempre crescente successo di spettatori costringe il cantante ad abbandonare i palazzetti per orientarsi verso spazi più ampi: inizia l'epoca degli stadi. La canzone in gara è un reggae interessante e si intitola "Vado al massimo" come il suo ultimo album, in uscita: il quinto in totale ma il secondo a muovere sensibilmente un pubblico che non risiede entro i confini dell'Emilia Romagna. Il 29 marzo 2011 esce Vivere o niente, sedicesimo album in studio[189] che balza direttamente alla prima posizione della classifica degli album più venduti in Italia dopo soli cinque giorni dalla sua pubblicazione. Siamo solo noi, quelli che poi muoiono presto, quelli che però è lo stesso... ». Inoltre, vi si trovano un inedito di Vasco scritto a 15 anni (Marta piange ancora) e una canzone del figlio Luca (L'ape regina), entrambi co-prodotti e arrangiati da Saverio Principini e registrati e mixati agli Speakeasy Studios LA di Los Angeles da Marco Sonzini e lo stesso Saverio Principini. Ricordo che da bambina indossavo quella fascia per ridere e far ridere i miei il sabato mattina, mentre a casa si facevano le pulizie con la radio accesa. si va a finir male... Meglio rischiare, che diventare come quel tale, quel tale che scrive sul giornale...». «...Sensazioni sensazioni sensazioni, sempre più forti! Band evento