Ma un istituto superiore su tre dovrà comunque ricorrere alla didattica a distanza. Il Ministero dell’Istruzione, nelle sue articolazioni centrali e territoriali, fa sapere che accompagnerà le istituzioni scolastiche nell’attuazione delle nuove disposizioni. Toscana - le scuole superiori riprenderanno le lezioni in presenza l'11 gennaio. Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha firmato l’ordinanza numero 99 del 28 ottobre 2020 che riguarda il mondo della scuola. Restano sospesi i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche, fatte salve le attività inerenti i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO). Scopri i nostri video su attualità,enogastronomia, viaggi cultura... Ecco cosa prevede il nuovo Dpcm sulla scuola. È stata firmata ieri sera dal presidente di Regione Liguria Giovanni Toti l'ordinanza regionale che prevede la didattica a distanza per le scuole superiori nella settimana dall'11 al 15 gennaio. If you disable this cookie, we will not be able to save your preferences. Sono queste le principali novità sul mondo della scuola contenute nel nuovo Dpcm per il contenimento del Covid-19. Le scuole superiori della Toscana non saranno chiuse, ma viene introdotta fino al 24 novembre 2020 la didattica a distanza per il 75% delle ore, la soglia minima prevista dall’ultimo Dpcm per l’emergenza coronavirus. Ordine sparso. Nelle altre regioni si torna in aula dal 50 al 75% Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti. La Regione non può opporsi a una scelta che ricade su tutto il territorio nazionale". Nelle scuole dell’infanzia, in quelle del primo ciclo di istruzione (scuole primarie e secondarie di I grado) e nei servizi educativi per l’infanzia le attività didattiche continueranno a svolgersi in presenza, con uso obbligatorio di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai 6 anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina. Già in classe tutti gli altri. A causa dell’aumento dei contagi, gli studenti delle scuole superiori dovranno tornare a frequentare le lezioni con la Didattica a distanza fino al 21 febbraio. Per quanto riguarda le scuole superiori gran parte delle regioni hanno deciso di affidarsi ancora alla didattica a distanza ed altre, appena tre, rispetteranno invece le indicazioni del governo e si dicono pronte ad accogliere gli studenti delle superiori già da domani 11 gennaio. Il provvedimento ha decorrenza da lunedì prossimo 8 febbraio. Protesta a Firenze per chiedere l’apertura delle scuole superiori in presenza e sicurezza: didattica a distanza e striscioni in Via Martelli La manifestazione è stata organizzata davanti al liceo classico Galileo per chiedere l’apertura delle scuole superiori in sicurezza. Telefono 055 6587611 Email [email protected], Tabloid società cooperativa Firenze, Via Giovanni dalle Bande Nere, 24, Telefono 055 6587611Email [email protected], Il Reporter Iscrizione registro stampa del Tribunale di Firenze N° 5579 del 17/05/2007, © Il Reporter | Tabloid società cooperativa | Riproduzione riservata | Iscr. Lo ha disposto con ordinanza il presidente della Regione Marco Marsilio. Scuola: didattica a distanza al 100% alle superiori e mascherine obbligatorie. La Regione Umbria non riaprirà le scuole superiori nella data decisa dal governo, ossia lunedì 11 gennaio 2021.Ne dà notizia una nota di Palazzo Donini. Le scuole superiori della Toscana non saranno chiuse, ma viene introdotta fino al 24 novembre 2020 la didattica a distanza per il 75% delle ore, la soglia minima prevista dall’ultimo Dpcm per l’emergenza coronavirus. Le attività didattiche in tutti gli altri casi si svolgeranno esclusivamente con modalità a distanza. Didattica a distanza al 100% per le superiori, uso delle mascherine per tutti, tranne i bambini al di sotto dei 6 anni, ancora stop alle gite e riunioni di organi collegiali solo da remoto. Il nuovo decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri dà infatti facoltà ai singoli governatori di ampliare il ricorso alle lezioni da remoto anche fino al 100%, ma in questo caso si è preferito lasciare aperte le aule almeno per una piccola parte. Ottaviano: scuole medie e superiori continuano la didattica a distanza. Non la estenderemo fino al 100% e faremo di tutto per tutelare la sicurezza delle lezioni in presenza”. Ecco come si è ... Invia un articolo, potresti vedere la tua firma pubblicata sul giornale. Alle scuole superiori, infatti, la didattica a distanza dovrà coprire almeno il 75% dell'orario di lezione. È prevista l’emanazione di un’apposita nota esplicativa. Le news del giorno, gli appuntamenti da non perdere, le voci dei protagonisti. Stiamo guardando anche oltre l’emergenza: sono tutti investimenti che restano alla scuola“. PESCARA, 5 febbraio – Didattica a distanza per quattordici giorni in tutte le scuole superiori abruzzesi. Il Presidente della Regione, Marco Marsilio, con un’ordinanza firmata poco fa, impone “l’attivazione della didattica a distanza per 14 giorni, apartire da lunedì 8 febbraio, nelle scuole secondarie di secondo grado, su tutto il territorio regionale”. Per loro il 7 gennaio significa ancora didattica a distanza. Cookie information is stored in your browser and performs functions such as recognising you when you return to our website and helping our team to understand which sections of the website you find most interesting and useful. La scelta di rinviare le lezioni in presenza fa infuriare tutti: "Basta didattica a distanza". Il Dpcm invece prevede misure più restrittive per la scuola nelle aree che dovessero, invece, essere caratterizzate da uno scenario di “massima gravità e da un livello di rischio alto”. Per prendere visione dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie e leggere come disabilitarne l'uso clicca qui. per rimanere sempre aggiornato sulle ultime news della tua regione. Abbiamo messo risorse su tablet, pc e connessioni, ma anche sulla formazione dei docenti e del personale. Gli studenti seguiranno dallo schermo del computer o del tablet tre quarti delle lezioni previste dagli istituti, ma torneranno sui banchi per il 25% delle ore, con particolare attenzione a tutte quelle attività pratiche che mal si prestano alla didattica a distanza, come laboratori e stage, oltre a favorire gli alunni che si preparano per la maturità e le “matricole” che hanno appena iniziato la scuola secondaria di secondo grado. Per la didattica, in caso di misure, più restrittive resteranno in presenza la scuola dell’infanzia, i servizi educativi per l’infanzia, la primaria e il primo anno della scuola secondaria di primo grado. sul digitale – commenta nella nota Azzolina – continueremo a farlo. This website uses cookies so that we can provide you with the best user experience possible. La didattica in presenza alle superiori in Emilia-Romagna rimarrà al 50% fino a sabato 20 febbraio. Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori. La Toscana sceglie la soglia minima di didattica a distanza: ecco le regole per le scuole superiori e gli istituti professionali. Notizie, cronaca, politica, cultura, tempo libero, eventi: raccontiamo Firenze ogni giorno, da oltre dieci anni. Giani: "Un messaggio a livello nazionale", Scuola: Lorenzo Baglioni e Giovanisì aiutano gli studenti a fare "la scelta giusta", Il massimo riconoscimento della Regione Toscana per i due scienziati impegnati nella messa a punto degli anticorpi monoclonali contro il Covid-19. Baccelli: "I trasporti? La Regione finanzia interamente con 4 milioni e mezzo di euro il bando per borse di dottorato triennali realizzate in Toscana, Completati i lavori per internet superveloce nei quattro comuni della Toscana: un incentivo anche per lavorare in smart working nei borghi, In leggera flessione i nuovi positivi dopo i 760 registrati ieri. Per quanto riguarda gli istituti professionali l’indicazione della Regione Toscana è quella di svolgere con didattica a distanza le attività teoriche e realizzare in presenza quelle pratiche che sono difficilmente replicabili in remoto, come i laboratori e gli stage. “Come Ministero non abbiamo mai smesso, in questi mesi, di investire 28 Ottobre 2020. Per restare sempre aggiornati gratuitamente. Per le prossime 2 due settimane, quindi, le scuole resteranno chiuse e gli studenti seguiranno le lezioni da casa Oggi hanno riaperto gli istituti Toscana, Abruzzo e Valle D’Aosta, tutti al 50% Caos scuole, studenti in piazza contro la didattica a distanza: «Ridateci il futuro» - Oggi si registrano anche 16 nuovi decessi, mentre le vaccinazioni sono a quota 138.788, 27 gennaio 2021: Giorno della Memoria, maratona online per non dimenticare, La Toscana premia il giovane neuroscienziato dei record: Gonfalone d'argento a Giulio Deangeli, Rigenerazione urbana, quando sostenibilità è sinonimo di bellezza, Lucca, la scuola (ri)accoglie gli studenti con uno striscione. Cliccando su OK acconsenti all'uso dei cookie. Queste sono le disposizioni che si applicheranno in Toscana, che è stata definita in zona gialla, ovvero a rischio moderato. Con il nuovo Dpcm nelle regioni rosse la didattica delle superiori rimane al 100% a distanza. Il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani ha firmato l’ordinanza numero 99 del 28 ottobre 2020 che riguarda il mondo della scuola. "In Toscana, come preannunciato, eravamo pronti a riaprire le scuole già da giovedì 7 gennaio. La didattica a distanza continuerà fino al 23 gennaio, e non si escludono prolungamenti laddove verrà ritenuto necessario. Quando riapriranno palestre e piscine nel 2021: secondo l'ultimo Dpcm la riapertura slitta al 5 marzo, Notizie, eventi, cultura, cosa fare a Firenze, il testo integrale (pdf) dell’ordinanza 99 del 28 ottobre 2020, La crescita esponenziale del crowdfunding immobiliare, La Fiorentina passa in Coppa Italia contro il Padova, ma delude ancora, Fino a che ora è consentito l’asporto in zona gialla per bar e ristoranti, A che ora chiudono i bar la sera in zona gialla e quando sono aperti per l’asporto, Sciopero treni, bus e tramvia 8-9 febbraio 2021: orari e modalità a Firenze. Gli studenti delle superiori dovranno pazientare ancora. Strictly Necessary Cookie should be enabled at all times so that we can save your preferences for cookie settings. Il Governo stanotte, ha rinviato all’11 gennaio il ritorno degli studenti delle superiori alla didattica in presenza. Dottorati Pegaso: nuove borse per i giovani laureati under 35, Banda ultralarga in arrivo a Manciano, Trequanda, Pienza e San Quirico d'Orcia, Covid-19: oggi 703 i nuovi casi in Toscana su 16.946 test, Invest in Tuscany: il tessuto economico della regione nelle storie di 16 multinazionali, Viaggio nella Firenze dell’arte sacra: sei itinerari tra bellezza e fede, San Valentino a Pietrasanta: cuori giganti, mostre e canzoni d’amore in filodiffusione, Pegaso d'Oro a Rappuoli e Landi di Toscana Life Sciences. In Toscana quindi le scuole non saranno chiuse. Gli studenti delle scuole superiori della Toscana sono stati tra i pochi in Italia a rientrare in classe l’11 gennaio, come promesso dal governo. Nessun cambiamento per gli altri cicli: alla materna, alle elementari e alle medie si continuerà ad andare in classe, seguendo sempre i protocolli anti-contagio per il coronavirus. La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha firmato il decreto che assegna alle scuole gli 85 milioni stanziati dal ‘Decreto Ristori’ nel Consiglio dei Ministri del 27 ottobre scorso. Scuola, il Friuli Venezia Giulia vara una nuova ordinanza: per le superiori didattica a distanza al 100% fino al 31 gennaio Scuole superiori, il Cts: ok al rientro in classe. Intanto il Cts dice no alla riapertura di sera, Lunedì si fermano bus e tramvia, martedì i treni regionali: gli orari dello sciopero dei mezzi pubblici dell'8 e 9 febbraio a Firenze e in Toscana, Zona bianca e lezioni individuali. E intanto il Ministero dell’istruzione stanzia 4,8 milioni di euro per la Toscana per la didattica digitale / Forza Italia: "Nelle scuole non ci sono untori" Saranno a distanza fino al 24 gennaio le lezioni per gli studenti delle scuole superiori in Lombardia. Nelle secondarie di secondo grado il 100% delle attività si svolgerà tramite il ricorso alla didattica digitale integrata. Palestre, si lavora per la riapertura 2021: quando riapriranno, dal 5 marzo. Infine per gli alunni con disabilità, disturbi dell’apprendimento e con altri bisogni educativi specifici, l’ordinanza chiede che “venga garantita l’effettiva inclusione scolastica”. E intanto il Ministero dell’istruzione stanzia 4,8 milioni di euro per la Toscana per la didattica digitale. Ilreporter.it è il sito d’informazione online de Il Reporter, il magazine free press che ogni mese fa conoscere storie, curiosità, tradizioni e personaggi della città. ROC N. 32478 | P.Iva 05554070481, Sushi, pizza, drink: le regole e gli orari dell'asporto per bar e ristoranti nelle zona gialla, L'ultimo Dpcm stabilisce a che ora chiudono i bar e i ristoranti in zona gialla: possono stare aperti, ma non a cena e c'è un limite agli orari per l'asporto. Scuole superiori, da lunedì si torna in classe in tre regioni. In Campania si potrebbe tornare in classe il 25 gennaio Ecco cosa prevede il nuovo Dpcm sulla scuola. Sono entusiasta", Scuola, Toscana: primo giorno di lezioni in presenza. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza per l’uso dei laboratori o per garantire l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e, in generale, con bisogni educativi speciali. This means that every time you visit this website you will need to enable or disable cookies again. Qui il testo integrale (pdf) dell’ordinanza 99 del 28 ottobre 2020 della Regione Toscana. E intanto il Ministero dell’Istruzione ha assegnato alla Toscana oltre 4,8 milioni di euro – ripartiti su 476 istituti – per la didattica digitale integrata, ovvero per l’acquisto di tablet, pc e strumenti per le connessioni da fornire in comodato d’uso agli studenti meno abbienti. Un quarto dell’attività prevista ogni giorno nelle scuole superiori della Toscana – chiarisce infatti l’ordinanza regionale – va riservata, dove possibile, ai laboratori e agli alunni delle prime e ultime classi. In Veneto, Friuli Venezia Giulia e Marche la didattica a distanza alle scuole superiori proseguirà fino al 31 gennaio. “Sulla scuola, in Toscana, ci muoveremo così: firmerò una nuova ordinanza che porterà la didattica a distanza al 75% per tutte le scuole superiori, in linea con le nuove disposizioni del Governo.

Allenatore Siviglia 2018, Il Nome Del Figlio, Casa Con Giardino Palombina, Quando E Nato Il Cognome, Liceo Musicale Milano, Nomi Macedoni Antichi, Burraco In 4 Strategie,