Poi ho ripreso io faticosamente a parlare ma solo sui social e qui ho ricevuto solo lezioni di vita, rimproveri sul mio carattere, sul mio passato (di cui non mi ha mai chiesto nulla peraltro), insomma quello fatto male ero solo io. Il suo nuovo lui… mi ha detto che devo vergognarmi per come l’ho fatta vivere. Non si colpevolizzi per non aver capito prima la fragilità della sua fidanzata, penso infatti che l’intervento all’ovaia sia stato un trauma che abbia turbato il suo equilibrio precario. Lui è del sud, mi sembra un matto mi minacci per diverso tempo inventando anche di essere un carabiniere o credo inventando l’intenzione di lei di denunciarmi per violenze ( cosa mai accaduta e assolutamente non da me che non alzo nemmeno la voce) Senza mai sentire lei. Purtroppo poi c’è stato il suicidio e quando una persona cara si toglie la vita è facile entrare in un labirinto di sensi di colpa per non aver capito, per non essere stato in grado di aiutarla, ecc.. Lei ha tanto dolore dentro, per favore si faccia aiutare, Gentile dottoressa…sono legata da circa tre anni con una persona che solo oggi capisco soffrire di questo disturbo! TI dovresti solo sentire fortunata se non torna piu' questo è uno "schizzo", jsdchtml3(' apsº ntadlru-a"=rof¦¦mutrela4¦818781¦02584lc "sa"=sop-fatsela- trtb-fa-nurof-fa mntbrof-mul--"leba ¹ napsºc ssaltca"=noirap-ne¹"tangeSalps¦º¹na psº lc nassafa"=p-tsorela--tuser tleddih"narG¹p eiz ret alaues alangizºenops¦ ¹na º naps¦¹', 'af_jsencrypt_61')jsdchtml3(' sº napsalc =s-fa"-tsopsna rewfatb-rof-nmu-fa ntburof--mirp- yram-falper-ygiroc thnnetcesUdnOsreylad "rh-at=feof¦"uri¦mrob-lednilrl-eaicsad-evvadf-or8740281a#p-f4-tso87028181-a,584sn-rewer,otaol ¹"d psº naalc =ssitca"norap-¹"tnesiRdnopºips¦ ¹na º ps¦¹na', 'af_jsencrypt_62'). Rivista in altra volta dice che mi ama ancora ma ha troppi problemi e deve stare sola e risolverli. Quando non si riesce a rinunciare a qualcosa che ci fa stare male come un amore tossico si può parlare di dipendenza. così per 10-20 volte. Scomparsa. Ho molto a cuore solo ed esclusivamente il bene del bambino che vorrei avesse una vita serena come merita. Sopraggiunge la ragazza, che vedendo entrambi conciati male, quasi non si avvicina a me e si preoccupa per lui. Inoltre può essere anche che lei sia uscito traumatizzato da questa relazione ed è possibile che si difenda con una specie di anestesia emotiva. L’innamoramento degli inizi quando ancora ci si conosce poco è basato sull’idealizzazione( si pensa di aver trovato una persona perfetta che risponderà a tutti i nostri bisogni e che ci renderà felici)ma questa fase così totalizzante non dura : si comincia a conoscere l’ altra persona con i suoi limiti e a quel punto bisogna imparare ad apprezzare l’ altra persona per quello che è veramente. Io non c’è la faccio per ora, vorrei tanto uscire con amici, ma molti li ho persi, e altri sono sempre impegnati giustamente. Grazie a un’occasione lavorativa in una città molto lontana mi trasferisco e da lì a pochi mesi mi sposo. Tutto combaciava alla perfezione: entrambi mai stati sposati, senza figli, tanti interessi in comune e una complicità perfetta, anzi magica…! Non so cosa fare e naturalmente appena le ricordo i problemi di equilibrio che lei mi ha sempre confessato ritorna a dirmi che sono io che la voglio far passare per pazza. Lei era ovviamente delusa ma continuava ad essere succube di lui. Chiaramente la conosco bene e so quali tasti toccare per ridere. Che gioco diabolico era? Con me ha dimostrato di essersi data una “regolata” trovando un equilibrio con se stessa e nella nostra relazione. Racconto solo l’epilogo. Io credo che qualche colloquio con uno psicologo può aiutarla a ricucire le dolorosissime ferite che questo abbandono le ha lasciato. E io non posso portarla via per il momento . Per mia figlia e’ una tragedia…anche se lui durante la permanenza all’estero le invia sempre ms per legarla a se. Pensa che una ragazza borderline dopo un bel pò di relazioni andate male capisca che è lei il problema e magari proverà a mantenere un rapporto stabile? -nell’ultimissimo messaggio che le mandai le cantai (nota audio) dolore e forza di biagio antonacci (il suo cantante preferito) dicendole alla fine buonanotte piccola e la sua ultima risposta fu “non mi chiamare piccola per favore..non stiamo insieme e facendo cosi’ ti stai facendo solo del male, ti ringrazio, mi hai fatta emozionare davvero con queste parole ma penso che tu debba cercare di dimenticarmi”.. e da li’ il silenzio. Il pensiero di lui, di ciò che ha detto, di ciò che ha fatto e si, anche di chi frequenta ora, mi tormenta. E mi sento tanto tanto stupida per aver amato così tanto una persona che, quando gli ho detto di voler prendermi una pausa (perché sapevo che avrebbe iniziato una terapia e che quindi era necessario che io mi allontanassi), mi ha solamente accusato di essere una sporca traditrice, inventandosi fatti mai esistiti. La mia vita e i miei problemi e impegni di quel periodo passavano nel dimenticatoio. Qualche settimana fa per un nonnulla mi urla al telefono che dovevo sparire dalla sua vita e che non dovevo mai più rifarmi vivo con lei: l’avevo presa in parola perché ormai la situazione era diventata troppo pesante per me sennonché dopo un paio di giorni si rifà viva, ma aveva capito che questa volta era stata quella che aveva segnato la definitiva rottura tra noi due. Il tutto quando il giorno prima , come sempre ci siamo baciati e pianificavamo di organizzare qualcosa insieme per il nostro terzo anniversario. Apparentemente perchè nonostante fosse cambiata la forma in cui esprimeva il disagio, il disagio c’era eccome. Gentile Nancy, nel suo caso penso che le sarebbe utile un percorso psicologico sia per rafforzarsi e per gestire meglio questa complessa situazione anche in relazione alla bambina. Si tratta infatti di un disturbo serio che influisce sul funzionamento di una persona in vari ambiti dell’ esistenza e non solo nella relazione di coppia. Io ascoltavo, non commentavo e cercavo di capire se tutto ciò era una teatralità o se forse lei soffrisse veramente per la sua vita abbastanza complicata. Dopo un ennesimo distacco da parte della mia compagna, mi sono resa conto delle caratteristiche peculiari e degli schemi in cui cadeva sempre e, studiando medicina, mi sono documentata su libri di testo e consulti con specialista e ho dedotto ( con margine di rischio, per carità, ma a mio parere irrisorio) fosse una persona con evidenti tratti borderline. Nonostante ciò cercavo di stare il più possibile con lei quando era libera, quando non aveva suo figlio, di farle capire e sentire che io c’ero, ma allo stesso tempo cresceva in me il desiderio di capire se investire su questa storia o darmela a gambe e non solo soddisfare la nostra passione. Il giorno dopo la confessione ha provato a ritrattare tutto bugie su bugie, come suo solito ha inventato di tutto ma a me veniva solo da ridere…per non piangere. Da quel momento, le cose tra di noi sono cambiate lentamente in una situazione dove lei soffriva di mancanze mie che io non riuscivo a capire e realizzare. Ma perchè non fare qualche colloquio con uno psicologo per imparare a gestire meglio la sua vita affettiva? Durante queste settimane è venuto fuori da molte voci che aveva una relazione clandestina e adesso con immenso coraggio le ho reso la sua roba dicendogli che deve essere lei a cercarmi se gli manco e non io a rincorrerla…Mi ha pure detto che potevo stalkerizzarla per vedere se c’era qualcuno e 2 giorni prima della rottura è stata in auto con un altro uomo negando però il rapporto sessuale. Grazie per aver creato questo sito che mi ha fatto capire cosa mi è successo perché non riuscivo a comprendere le motivazioni. Io soffro moltissimo invece per il fatto che lei non lascia il fidanzato e spesso il week end dormono insieme nella stanza adiacente alla mia, un’esperienza per me estrema troppo forte che mi fa disperare veramente. Ci siamo rivisti dopo 2 mesi e da quel momento quasi ogni week end e durante la settimana. Dunque..la vedrei così ( sempre con la premessa che le situazioni vanno approfondite in altra sede). Buona sera dottoressa… . perchè non mi ascolta? In quanto a noi non le interessava nulla o poco nulla di come stavo io.. Io non le sono mancato per nulla. la lettura del suo articolo mi ha sconvolto al punto da avere i brividi. e sopratutto di rifarmi una vita, cosa che ho fatto:  ho conosciuto qualche settimana fa  una persona magica che mi ha aiutato a resuscitare dal male che mi trascinavo dentro. Vengo da 5 anni di relazione con una ragazza che ogni anno mi lasciava per più o meno gli stessi motivi. Parlarne è la prima forma di elaborazione. Io non capisco cosa gli sia successo e iniziano gli scontri tra di noi … ma in realtà, NON E’ PIU’ LEI!!!!!!! Dopo due mesi mi porta a conoscere la madre il fratello ed il compagno della madre. Vorrei non averla mai conosciuta. Abbiamo avuto un ricontatto, sempre su sua istanza… dopo un mese mi chiedeva di perdonarla per il suo comportamento, accusandomi di serbarle rancore. E’ successo tutto in fretta: dal momento in cui ci siamo visti non abbiamo piu’ potuto fermarsi..: baci immensi, gli sguardi infiniti, la voglia di correrere verso l’altro anche solo per vedersi per qualche minuto. Dormiva con la mia sciarpa ed aveva scaricato da fb alcune mie foto da bambina che aveva attaccato di fianco al letto o messo come sfondo sul telefonino( me ne sono accorta alla fine)..Ogni volta che stavamo insieme spegneva il telefono..era sempre cosi strano,misterioso.UN giorno mi ha detto di voler comprare casa e mi ha chiesto di andare a viverci insieme..Io ho iniziato a sentirmi soffocare perchè lo conoscevo da appena 9 mesi e avendo un figlio,volevo essere sicura di fare un passo del genere..lui mi tranquillizzava dicendomi di non avere fretta e che avrebbe aspettato tutto il tempo necessario.In dicembre sono partita per qualche giorno con mio figlio ed ha ricominciato ad essere polemico,ogni motivo era buono per discutere.Sono arrivata a dirgli"guarda,sono stanca o andiamo avanti bene o ci lasciamo!" All’inizio ero ben disposto ad accettare queste sue idealizzazioni del rapporto, ma dopo circa due mesi dal niente comincia a dirmi che non era più interessata e mi lascia di punto in bianco trattandomi male come se fosse colpa mia del suo disinnamoramento, io ho manifestato subito grossi sensi di colpa perché non credevo fosse possibile che una così bella storia d’amore e così attesa da parte mia potesse finire per colpa del mio scarso interesse (a detta sua). Dal 31 a Oggi 13 Giugno, non l’ho sentita né vista. tenevo tanto a questa persona.. in virtù forse della bellissime ed intense sensazioni che ho provato. Ho trovato la forza di lasciarla solo questa settimana , e datemi retta SI SOFFRE DA MORIRE , ma fatelo anche voi .. ho sopportato un anno di insulti , di botte , di violenze , sono arrivato addirittura ad isolarmi da amici e colleghi , perche qualsiasi pretesto come la gelosia era buono per arrivare a litigare. La mia collega me la presenta attraverso quel canale virtuale e subito dopo io e Maria iniziamo a comunicare con una crescente e inconsueta intensità per me, specialmente in orario di lavoro: lei mi trovava “un bel tipo da conoscere assolutamente”, a suo dire. Tutti sapevano che era un intervento classico, non ambulatoriale. posso fare qualcosa di specifico? Ero fermamente convinto di non aver mai voluto rapporti e legami con persone che vengono da divorzi e sopratutto con figli di mezzo ma purtroppo mi sono trovato in questa situazione e non ho saputo resisterle. Insieme alle difficoltà familiari le si aggiunge un brutto rapporto con il suo ex marito (forse un’altra vittima) fatto di litigi e insulti quasi quotidiani. Si riprendono dopo il passaggio dell’estate cosi’ per due anni…. Per me è una sofferenza perchè avevo la sprenza e la sicurezza che ci tenesse nel csotruire qualcosa insieme. Un po’ come una ruota di scorta che non si vuole usare ma tranquillizza sapere che in caso di bisogno c’è ( perdoni la metafora brutale). Gli vorresti dire che è borderline e convincerlo  a fare una terapia. Articolo veritiero e molto interessante. resto in attesa di un suo gentile riscontro Inutile farle capire che non sono equiparabile ai suoi precedenti ex. Sin da giovane era un peperino irascibile, appassionata e coinvolgente, ma sempre molto triste e facile alla depressione. Ora torno alla storia sentimentale… La relazione tra suo figlio e Luca è stata molto travagliata sin dall’inizio e credo che sia stato un bene per tutti e due che la relazione sia finita. e io vedo uno spiraglio di luce. Mi sembra invece che si sia creata una dinamica di coppia poco sana che stimola il peggio in entrambi. E’ stato un anno tanto triste e lungo… e anche se è finita da tre mesi e so bene di stare meglio così, non riesco a trovare pace, e non sopporto più di stare in questo stato. @volare821 anche io Ti confermo di stare meglio, soprattutto perché non prendo più ansioliticici e non soffro più di attacchi di panico. Adesso mi ritrovo in una situazione impotente. Una donna che mi aveva dato tutto sul piano emotivo….con le parole e con il corpo ma non ha mai fatto un gesto importante per farmi sentire il suo uomo, tanto che le ripetevo continuamente che non mi sentivo suo compagno nonostante anni di frequentazione e lei tra l’altro non l’ha mai detto. Forse vorresti aiutarlo in altri modi, magari rimanendogli  amico. Io sono stata fortunata crescendo in un contesto familiare tranquillo, ottima istruzione e…insomma una famiglia normale. Come posso fare per uscirne? Improvvisamente, da un momento all’altro, lei si stranisce, si incupisce. Buongiorno Dottoressa, Dopo avermi sbattuto il telefono in faccia per averle solo rinfacciato di non aver rispettato una piccola promessa che ero riuscito a strapparle ci siamo ignorati per una settimana. Cominciata la nostra relazione, 7 mesi fa, tutto sembrava ”normale”, bello, ecc Dopo un po’, la distanza, lo stress dei rispettivi lavori (lei è una studentessa, non molto abituata al lavoro intenso, per cui mi riferisco ad un lavoro stagionale, di quest’estate) hanno cominciato a produrre degli effetti indesiderati: malumori continui e non giustificati, sospetti infondati, incapacità di comprendere il mio stato di stanchezza, insinuazioni ecc. Di solito queste scelte non sono mai casuali. Ad esempio “scatenando nel tuo ex sentimenti estremamente spiacevoli che non riesce a gestire e che possono portarlo a comportamenti impulsivi ” (tipo spingermi durante delle discussioni)”. Se ha deciso di andar via è stato solo un bene per te, prima che fosse troppo tardi. La cosa che mi ha colpito sono state varie frasi riportate: “sai io vivo spesso di molte maschere”, “… in fondo io sono stata tradita dai miei genitori quindi so cosa si prova” “… io non mi fido di nessuno”, “ho bisogno di un’amore incondizionato” “io sono stata il tuo specchio” “tu mi volevi a tua immagine e somiglianza” “in fondo scusami… alla fine gli uomini sono tutti uguali…starò bene con un altro” “voglio che gli uomini diventino un dettaglio della mia vita” “non riesco a stare da sola””forse una volta che sarò stanca, sarebbe meglio farla finita di questa vita”. Alla cena voglio andare perché non voglio condizionare la mia vita per colpa sua! Dice che la notte sogna di fare l’amore con me, conferma che vorrebbe che i suoi figli avessero i miei occhi. Che io soffra moltissimo e le chieda mille volte in ginocchio di decidere passa sempre in secondo piano, tranne quando ci sono quei periodi in cui sembra che io voglia staccarmi ed andare a vivere altrove. Alla fine siamo rimasti così, ad un ciao a presto. Durante le nostre liti coinvolge i membri della mia e della sua famiglia. Le scrissi email in cui dichiaravo i miei veri e sinceri sentimenti per lei … che tutto ancora si poteva chiarire e sistemare… se c’era voglia conoscersi ancora … come anche lei aveva dichiarato.. ma ciò però con un sincero colloquio, confronto. Ma non riesco a liberarmi. Lei però ha continuato a farlo malgrado l’ alternarsi di comportamenti di amore e di freddezza e di superficialità. Ho iniziato una terapia psicologica e sto un po’ meglio, ma nonostante ciò ritengo ancora che sia impossibile per me andare davvero avanti. Da lì un paio di messaggi superficiali ed inmutili in cui accennava ad altro e di fronte ai quali ho avuto reazioni alternate di freddezza, gentilezza. La relazione inizia in modo idilliaco, una persona sensibile come me, amorevole, capace di amare le piccole cose come pochi. Aveva una paura morbosa dell’abbandono. Io mi sono imposta di non rispondergli e non vederlo più ma a volte avrei ancora la tentazione di andare a parlargli…. Beme, Le mostro a fatti l importanza che ha per me- incoraggiandola, dedicandole il mio tempo, ricoprendola di attenzioni. Da un lato sono disperato all idea di perdere la ragazza che amo e dall altra non voglio che questa sua decisione sia un effetto della malattia e che abbia ripercussioni sulla sua salute . Per fortuna un paio di colleghi mi habno fatto da bastone standomi vicino, tutt’ora siamo grandi amici! Parte la denuncia della polizia per lesioni aggravate a piede libero e io mi reco a complementare il tutto con una mia denuncia. Con il tempo, lei ha iniziato ad allontanarsi ed a denigrare la mia capacita’ per trovare una soluzione permanente per noi due. Ecco, la sensazione è di aver però rivisto dei tratti similari, solo che in questo caso sono venuti fuori solo alla fine (anche se delle cose particolari, le avevo notate). La depressione con giornate e giornate passate a parlare e a tentare di fargli vedere il mondo con occhi diversi dai suoi ha portato a un apparente miglioramento della situazione. Gratificazioni continue, di persona e tramite messaggistica, fino a quella maledetta domenica di giugno. Baricco tornasui suoi passi «La luce di una storia dura anche quando sembra spenta Cambiare le carte è impossibile, bisogna cambiare tavolo» Quando Alessandro Baricco ha scritto la riga conclusiva di Mr Gwyn , il suo libro uscito qualche mese fa, probabilmente sapeva che la faccenda non sarebbe finita lì. Buonasera D.ssa, ho avuto una breve relazione con una donna più grande, che mi ha subito detto di avere questo disturbo della personalità e di non essere riuscita a migliorare nonostante molti anni di terapia, sia psicologica che psichiatrica. Buonasera, i rapporti con gli ex sono sempre un po’ difficili da gestire anche se si è delle persone equilibrate e mature. Volevo chiederle: come mai alcuni borderline ogni tanto si rifanno vivi mentre altri fuggono dal partner non lasciando scampo, abrogandolo letteralmente, cancellandolo definitivamente dal loro orizzonte mentale? Dopo un paio di mesi tento timidamente di riavvicinarmi dopo aver rifiutato le sue richieste.. Tra settembre e ottobre. Forse sperava di trovare un uomo che la portasse via subito dalla sua triste situazione familiare, quando ha visto che lei non era immediatamente disposto a soddisfare i suoi desideri, il suo interesse è presto decaduto. Se pratico il no contact e il blocco ovunque mette in mezzo i miei amici e fa parlare le persone. Sicuramente la sua analisi e conoscenza della materia potrà valutare in modo più affidabile la situazione. Andiamo in vacanza con i bambini, loro si affezionano a me e io a loro. Al momento però la sua ragazza mi sembra stare troppo male per avere una relazione sana con qualcuno. Il consiglio che ricevo da amici e parenti è quello che se io davvero voglio stare con questa persona, devo dare il tempo di essere io una persona più ferma e solida, non fragile come sono adesso. Quindi mi sento di escludere che lui sia border..Mi permetto una provocazione..lei mi da una descrizione idealizzata della vostra relazione. ma nn ce la faccio mai, ho sempre paura a farlo perche lei mi dice sempre che senza di me non ce la fa ad andare a vanati. Presumo abbia già per le mani un altro uomo perché era già successo di allontanarsi ma è sempre tornata per non vivere un senso di abbandono, stavolta ha voltato decisamente. – quando quel senso di “completezza” lo trovavo solo con lei . Tutto idilliaco fino a quando nel 2012 le prime avvisaglie, controllava le chat, le mie frequentazioni, evitava sempre la socializzazione adducendo come pretesto che noi eravamo una famiglia e dovevamo fare vita da famiglia e così fino alla malattia autoimmune. Io le parlo, dopodiche’ non mi faccio sentire per vari giorni: lei mi richiama accusandomi di non farmi sentire e che a suo dire per me lei non e’ importante. Più io cercavo di avvicinarmi più lei si agitava, si innervosiva fino al punto di non volermi più vedere ne sentire. Forse mi teneva in pugno? Sono persona libera e voglio esserci perché il mio collega ci tiene e me l ha detto. Poi, come per tutte le altre volte riusciva a riconquistarmi con tutta la dolcezza, la pazienza e l’amore dell’uomo del quale mi ero innamorata mesi prima. Il problema è che essere rimasti insieme dopo tanti alti e bassi aveva convinto anche me che lei fosse vittima della situazione con il ragazzo e la sorella (alleata del ragazzo e contro di me) Non ho detto che loro sono del sud e si conoscevano da sempre, mi ha fatto credere che realmente non ci saremmo lasciati piu’. 5) ricorrenti minacce, gesti, comportamenti suicidari o comportamento automutilante; Svalutandola io a mia volta? Quando litigavamo mi offendeva in modo pesante e mi trattava come un’estranea, il giorno dopo quasi si inginocchiava per chiedere il perdono dicendo che ha dei problemi emotivi e che spesso non riesce a controllarsi. Non sono documentato su borderline di sesso maschile ma spero di avervi chiarito le idee sul borderline di natura femminile, occhio, spesso sono bellissime donne con una sessualità innata che vi ammaglieranno, attenzione ragazzi, ai primi sintomi prendete precauzioni, consultate qualcuno del settore, perchè perdersi è un insieme di eventi dei quali non abbiamo assolutamente il controllo nella maggior parte dei casi, occhi ben aperti quindi ne va della votra vita. Forse sulle dinamiche di questa relazione non mi è stato possibile dilungarmi più di tanto per “amore” della sintesi (giusto per rimanere in argomento). Ovviamente io non ho soltanto subito e non sono stato il ragazzo perfetto, avrò avuto anch’io delle mancanze di attenzioni nei suoi confronti, alcune mancanze di rispetto magari dando corda ad amiche che mi scrivevano o guardando qualche ragazza passare o rispondendo a tono ai suoi insulti ma nulla di grave come violenza fisica o tradimenti. Se le dico ciao come va, risponde “non ti deve interessare come sto, preoccupati di te che io mi preoccupo di me”. Ho capito merito di meglio e poi non credo molto nella loro sofferenza, lei si divertiva molto più di me e faceva quello che voleva. Comunque è una esperienza che mi ha fatto capire meglio alcune dinamiche anche della mia sfera sentimentale. Ancora oggi penso a lei ogni giorno e spesso piango. ... per cercare poi di mettere a punto un’offerta tailor made facendosi aiutare dai suoi consumatori. Chiedo se c'è un modo per farla andare da qualche parte per curarsi al meglio. Gentile Dott.ssa, Ancora oggi non mi spiego come sia possibile che dentro di lui sia morto tutto così velocemente e definitivamente. Se il borderline torna non torna a controllare se state bene o per rimettersi con voi ma torna perchè in un certo qualmodo voi lo avete contattato/a, avete parlato di lui/e con qualche conoscenza in comune, altrimenti il borderline se avete preso contromisure efficaci o che lo hanno stupito e che non hanno mai riscontrato in altri individui, col piffero si fa rivedere, vi assicuro che vi rimarranno ben alla larga, … E io sapendo tutta sta situazione mi scatta una gelosia impressionante. Salve e grazie in anticipo Dottoressa. Ogni consiglio aiuto x star meglio è’ ben accetto. Il matto sei tu!”. Vorrei chiudere definitivamente ma non me lo permette. Le separazioni sono sempre difficili, soprattutto se avvengono con modalità come quelle che ha descritto. Negli anni tanti litigi che non riuscivo a spiegarmi, facevo tanto per lei ma sembrava non bastare mai, mi sono privato di tante cose solo per farle piacere. All’inizio del 2009 una mia collega mi presenta tramite facebook una sua amica, che chiamerò qui Maria, che mi voleva conoscere in quanto trovava i miei interventi sul famoso social network interessanti (anche se in realtà erano piuttosto banali). Insomma, io, che ho un lavoro interessante, che sono apprezzato professionalmente, che viaggio tanto, che conosco tante persone, da fuori non si vede ma dentro sono un uomo distrutto emotivamente e psicologicamente, non riesco più ad innamorarmi, penso che dopo sei anni così non potrò mai più avere una relazione mi faccio mille domande e non trovo risposte. Il dramma di queste persone che passano la loro vita soffrendo e facendo soffrire è che non sanno stare né con l’altro né senza l’ altro. Lei prese anche una strana cistite dove mi fa solo pensare che abbia avuto un rapporto clandestino, dal momento che ho fatto 3 esami medici che hanno dichiarato che non soffrivo di infezioni. A causa dell’instabilità dell’Io diventa difficile fare delle scelte stabili in qualsiasi ambito. La frase che mi sconcerta in questa occasione è questa: “ti dico che ti amo ed è troppo presto, ti dico che sono disinnamorata e allora non ti ho mai amato, fai tutto tu”. a che le serve avere un numero se ha voluto lei proprio chiudere il contatto “telefonico”? E’ fuggita di nuovo. Un giorno scoppio e mando un sms a lui dicendo che amavo lei (senza specificare troppo, senza parlare di sesso, perche anche io rispettavo lui e mi dispiace va e faceva pena) ma l’ho fatto perche lei mi diceva che non riusciva a resistere nella morsa tra lui e sua sorella che voleva (a suo dire) che lei stesse con lui. 1) sforzi disperati di evitare un reale o immaginario abbandono (idealizzato dal soggetto); Grazie nuovamente per l’attenzione Dottoressa. Un anno intenso vissuto con lui e la sua famiglia ricco di cose belle (quelle che mi hanno trattenuto nonostante le recenti umiliazioni) ed una marea di foto e di ricordi... ora il vuoto e la soltudine. É esattamente quello che ho vissuto. Se la sua compagna accetta, potrebbe tentare la strada della terapia, magari anche farmacologica per controllare gli sbalzi d’umore.. Resistere in questo modo da sei mesi mi sta riducendo le prospettive di ripresa notevolmente, considerando che non mi concede d’aver modo e tempo d’elaborare la rottura ( che ogni volta ingenuamente sentivo come definitva) e superare l’amore o portare avanti nuove storie ( che diligentemente tronco per rispetto ogni volta che si rifà viva). Non si rimproveri per la sua reazione, era esasperato, sfinito, sfiduciato..i border riescono a provocare discussioni, litigi, reazioni molto intense anche in persone molto tranquille e pacate, Ciao Roberto, ti capisco e come…..ho vissuto la stessa cosa tua. Nel frattempo ovviamente io ho cercato di starle vicino,di farle sentire la mia presenza anche se non fisica perché mi ha allontanato,non vuole il mio aiuto,anzi, mi ha chiesto espressamente di non aspettarla perché non sa quanto ci vorrà e perché si sente in colpa che io sto appeso a un filo senza sapere di che morte devo morire,quindi mi ha detto per ora lasciamoci…io sono a pezzi naturalmente,sono innamorato ma allo stesso tempo non vorrei tornare con la mia ragazza come era l’ultimo periodo (scontrosa per tutto,indifferente,non gelosa),lei mi chiede una maturazione a livello caratteriale ma non riesco a capire come comportarmi, devo sparire completamente o farla ingelosire per poterla riconquistare? Purtroppo non sei più nelle condizioni di poterlo fare. Sei un ragazzino, trovatene una senza figli! Il mio essere combattuta se ritentare un approccio nella speranza torni ad essere la donna di cui mi sono perdutamente innamorata, viene trattenuto come se mi violentassero quando leggo i tratti tipici e le varie reazioni che rispecchiano esattamente lei. Quello che mi ha colpito però di questa ragazza è stata l’assoluta mancanza di empatia, il capire cos’è successo: storia di 5 anni, 2 di convivenza, storia dove lei sembrava legatissima e dove oggettivamente in qualche modo io ho rappresentato per lei molte cose: esperienze, forte passione, sicurezza. Me lo disse anche 3 settimane prima di lasciarmi, -Quando mi insultava poi mi bloccava su whats app e dopo qualche ora, o un giorno, mi sbloccava e tornava a scrivermi per fare pace, inoltre ogni volta che faceva questo cambiava immagine profilo e ne metteva una tutta fighetta, le chiedevo il perchè di questa cosa e lei rispondeva “per farti vedere cosa ti perdi” e in aggiunta a stati come “quando l’orgoglio vince le persone si perdono”.

Present Perfect Continuous Quando Si Usa, Caldaia A Condensazione Baxi 35 Kw Prezzi, Ovindoli Fun Park, Perugia Settore Giovanile Contatti, Classifica Serie A 200, Frasi Belle Per Il Vescovo, Terme Di Saturnia Sono Aperte, Canzoni Sulla Famiglia Zecchino D'oro, T-shirt Antony Morato 2020, Funivia Seceda Parcheggio, Piano Terra Con Giardino Privato Roma,